Dettagli impianto Biomet

Dettagli impianto Biomet

Vasca di preparazione

La fase di caricamento e pretrattamento permette di gestire con grande flessibilità differenti tipologie di biomasse, sia palabili sia pompabili e di dosare, all'occorrenza, opportune diluizioni con la frazione liquida del digestato o con altre matrici liquide.

Idrolisi

Biomet™ - l'idrolisiBiomet™ - l'idrolisi separata è uno dei plus ingegneristici separata è uno dei plus ingegneristici

Le biomasse premiscelate vengono introdotte nel reattore di idrolisi cilindrico, funzionante in termofilia, normalmente realizzato in acciaio e coibentazione esterna o, in alternativa, con parete circolare in calcestruzzo e copertura metallica ermetica, la cui temperatura interna è mantenuta costante grazie ad uno scambiatore di calore esterno che scambia calore in controcorrente con un circuito alimentato con l'acqua calda prodotta dal circuito di raffreddamento motore di cogenerazione. La fase di idrolisi porta alla demolizione idrolitica di proteine, carboidrati e lipidi, per la produzione finale di zuccheri, aminoacidi e acidi volatili a basso numero di atomi di carbonio, che rappresentano il substrato vitale (COD) per i batteri metanigeni.La capacità della vasca garantisce tempi rapidi di caricamento della razione giornaliera di biomassa, senza alterare la qualità della miscela, permettendo quindi di alimentare successivamente il digestore ad una portata costante nelle 24 ore/giorno con un prodotto omogeneo, senza variare gli equilibri di carico e di pH, particolarmente importanti per mantenere attivo il delicato metabolismo dei batteri idrolitici.

Digestione Anaerobica

Biomet™ - digestione anaerobica e metanogenesi

La fase di digestione anaerobica avviene in reattori alimentati con il materiale proveniente dall'idrolizzatore. Il digestore, di forma cilindrica, ha diametro ed altezza progettati in modo da garantire una miscelazione omogenea del contenuto ed è normalmente realizzato in acciaio e coibentazione esterna, o, in alternativa, con parete circolare in calcestruzzo e copertura metallica ermetica.Il materiale omogeneizzato, mantenuto ad una temperatura ideale grazie alla coibentazione e al calore apportato dallo scambiatore di calore esterno, permane all'interno del reattore per giorni, permettendo così la digestione anaerobica delle biomasse e la metanogenesi.Il biogas prodotto fuoriesce dalla sommità del digestore per essere inviato al gasometro polmone.

La biomassa estratta dal reattore viene trasferita al sistema di separazione liquido-solido e, successivamente, destinata allo spandimento o al post-trattamento.

Gasometro

Biomet™ - gasometro a membrana

Il biogas proveniente dal reattore viene stoccato nel gasometro provvisto di doppia membrana di separazione tra la camera del biogas e la camera d'aria pressostatica.

Il sistema è corredato di centralina di pompaggio dell'aria di compensazione, per il controllo della pressione del gasometro, di oblò sulla membrana esterna, di scarico della condensa del biogas dal fondo delgasometro stesso, di valvola di sicurezza di sovrappressione dell'aria.

Purificazione Biogas

Biomet™ - scrubber

Il biogas prodotto, dopo essere stato stoccato nel gasometro polmone, viene successivamente inviato all'unità di cogenerazione attraverso una serie di dispositivi atti a ridurne le impurità e le condense. La purificazione del biogas avviene attraverso una linea dotata di un sistema di deumidificazione a freddo (+5°C).Nel caso fosse necessario l'abbassamento della concentrazione di solfuro d'idrogeno, sono eventualmente previsti un lavaggio chimico oppure la bioriduzione dei solfuri tramite batteri.

Un analizzatore on-line permette, inoltre, la lettura dei parametri relativi alla composizione del biogas prodotto.

Produzione Di Energia Elettrica

Biomet™ - impianto di cogenerazione

Il biogas, così prodotto e purificato, contiene circa il 50-60% di metano, mentre il restante 50-40% è costituito prevalentemente da anidride carbonica e vapore acqueo.Fornito alla centrale di cogenerazione, il biogas produce una potenza elettrica immessa in rete attraverso i circuiti di parallelo e la trasformazione di tensione. Il motore della centrale è dotato, inoltre, di circuiti di dissipazione che permettono di recuperare e valorizzare l'energia termica prodotta utilizzandola per il riscaldamento delle biomasse ed il compenso delle dissipazioni.

Separazione del prodotto digestato

Biomet™ - destinazione del prodotto digestato

Il prodotto digestato viene scaricato dal digestore e, successivamente, inviato ad un dispositivo per la separazione della frazione fibrosa da quella liquida.

  • La frazione liquida viene trasferita nelle vasche di stoccaggio finali, dalle quali sarà periodicamente prelevata con autobotte per le operazioni di spandimento o, in parte, riciclata nella vasca di pretrattamento per la diluizione delle biomasse, permettendo in questo modo un notevole risparmio idrico.
  • La frazione solida è destinata allo spandimento o all'essiccamento.